VIAGGIO IN DUO – viaggio in musica alle catacombe

11 luglio, ore 20.30 (il concerto sarà preceduto dalla visita guidata alla Catacombe di San Gennaro)

VIAGGIOINDUO meets friends
concerto con piccola orchestra

concerto di Mariano Bellopede, pianoforte
Carmine Marigliano, flauto
Davide Esposito cajon

La rassegna Lux in Tenebris persegue l’11 luglio con un appuntamento musicale, il concerto jazz di piano e flauto di Mariano Bellopede e Carmine Marigliano, che attenderanno i visitatori delle Catacombe di San Gennaro presso la Basilica di San Gennaro extra moenia, per concludere il percorso artistico di Lux in Tenebris con un viaggio nel jazz partenopeo tra ritmiche sudamericane e melodie mediterranee, ostinati quasi contemporanei ad aperture quasi pop. Un viaggio appunto, inaspettato e imprevedibile. Nell’occasione del concerto presso le Catacombe di San Gennaro, il duo presenterà i propri brani inediti.

Note al progetto
Il progetto, nato nel 2006 dall’incontro tra due giovani musicisti partenopei, Mariano Bellopede e Carmine Marigliano, è un intimo e sentito itinerario sonoro, dalle molteplici sfumature. Pianista il primo, flautista il secondo, entrambi di formazione classica e diplomati al conservatorio col massimo dei voti e la lode, hanno da sempre un forte legame col jazz e con le musiche del Novecento.
Due i lavori discografici all’attivo, l’esordio omonimo del 2009 (per l’etichetta Map) e il recente Secondo noi (Polosud, 2012). Alcuni brani tratti dai loro album sono stati scelti per colonne sonore di spettacoli teatrali, cortometraggi e documentari RAI. La loro musica, per lo più composta o rielaborata da Bellopede, non è collocabile in un genere preciso: si va da ritmiche sudamericane a melodie mediterranee, da ostinati quasi contemporanei ad aperture quasi pop.

Costo biglietto 15 euro (comprensivo di visita guidata)

Per partecipare agli eventi è necessaria la prenotazione al numero 0817443714 – 3396666426, oppure info@paleocontemporanea.it.

LA MAGICA VOCE DI LALLA ESPOSITO SULLE NOTE DI NINO ROTA

La magica voce di Lalla Esposito, accompagnata dal maestro Mimmo Napolitano, riecheggerà nelle Catacombe di San Gennaro, sulle indimenticabili melodie di Nino Rota

6 luglio, ore 20.30 (il concerto sarà preceduto dalla visita guidata alla Catacombe di San Gennaro)

“NINO”
di e con Lalla Esposito, voce
maestro Mimmo Napolitano, pianoforte

Lo spettacolo al Nuovo Teatro Sanità non si ferma e continua durante tutta la stagione estiva. Il teatro esce fuori dal teatro e raggiunge luoghi sconosciuti e sotterranei della città, con la rassegna “LUX IN TENEBRIS”. Gli spettacoli di alcuni tra i migliori artisti napoletani accompagneranno i visitatori nei luoghi suggestivi delle Catacombe di San Gennaro, della Basilica di Santa Maria della Sanità, e ancora della Basilica dell’Incoronata Madre del Buonconsiglio a Capodimonte e quella di San Gennaro extra moenia, in un percorso dove l’arte insegue l’arte, in un dialogo eterno tra antico e moderno, come nello spirito di Paleocontemporanea. Far rivivere luoghi sconosciuti non solo ai turisti, ma anche a chi abita tutti i giorni la città, è la sfida raccolta dalle visite guidate corredate di spettacoli e concerti di LUX IN TENEBRIS. Il quarto appuntamento della rassegna si terrà domenica 6 luglio, con Lalla Esposito e il maestro Mimmo Napolitano al pianoforte, che presentano lo spettacolo “Nino”, in collaborazione con Il Teatro cerca Casa, dedicato all’intramontabile figura di Nino Rota, l’amico magico di Fellini. Lo spettacolo si costruisce su poche e preziose parole per le sue melodie essenziali e semplici: canzoni popolari e ironiche, dolcemente sentimentali, napoletane. Canzoni per il cinema che indagano i nostri sogni e ne fabbricano altri.
NtS’ propone un’estate all’insegna della cultura alla scoperta dei luoghi incuneati nella città antica. Il costo del biglietto è di 15 euro ed è comprensivo di visita guidata e spettacolo.

Note allo spettacolo
Nino Rota, uno dei più grandi compositori del Novecento, “l’amico magico”, come amava definirlo Fellini. L’incontro della sua musica con poeti come Amurri, Morante, Wertmuller, Suso Cecchi D’Amico, Testoni, Bonagura, Galdieri. Poche e preziose parole per le sue melodie essenziali e semplici, canzoni popolari e ironiche, dolcemente sentimentali, napoletane. Canzoni per il cinema che indagano i nostri sogni e ne fabbricano altri. La sua magica musica è regalata a noi con leggerezza. Il filo sottile che unisce la magia delle sue note è il materializzarsi dei personaggi dei film che hanno incontrato l’abbraccio della sua musica. Ed ecco che inevitabilmente ci apparirà la figurina di Cabiria perduta nelle sue notti, ma anche la dolce e malinconica Gelsomina o il Tunin di film d’amore e d’anarchia, che disperato racconta la sua inevitabile decisione di assassinare il Duce, i fantasmi femminili che appartengono al sogno di Guido, protagonista di 8 e 1/2 e ancora le luci e le ombre de La dolce vita, le voci del borgo di Amarcord ma anche le note di un Oscar negato al grande Rota, quelle de Il padrino e la parentesi di grande televisione con il Giannino di Gian Burrasca. Tutte queste anime sognanti parleranno e canteranno la musica senza tempo come in un sogno impalpabile, ma che ti resta dentro per sempre, dell’amico magico “Nino”.
Una donna, ma forse un’anima, ma forse un sogno, appare con la sua valigia piena dei suoi piccoli oggetti, strumenti per rendere il sogno in qualche modo più reale. Ad attenderla un musicista che la prenderà per mano e attraverso le note realizzeranno il loro scopo comune: incontrare “l’amico magico”. Tutto avverrà senza interruzione tra parole recitate e musica come soffiando su una girandola che dopo aver vibrato per l’effetto del vento, torna al punto di partenza per incominciare a vibrare ancora una volta. Compiuto il sogno, le note andranno ad essere sempre più deboli, la valigia della donna riaccoglierà il suo contenuto e in quel dormiveglia, in quel dolce attimo tra la veglia e il sonno, saranno già spariti, pronti per diventare di nuovo vento, energia per nuove girandole.

Lalla Esposito

Costo biglietto 15 euro (comprensivo di visita guidata)

Per partecipare agli eventi è necessaria la prenotazione al numero 0817443714 – 3396666426, oppure info@paleocontemporanea.it.

LUI IL FIGLIO alla Basilica di Santa Maria della Sanità

LUI_WEB (1)

ntS’, nuovo teatro Sanità, presenta
LUI _ IL FIGLIO
Un progetto di Mario Gelardi
Scritto da : Tino Caspanello, Mario Gelardi, Fabio Rocco Oliva, Antonella Ossorio, Eduardo Savarese, Maria Cristina Sarò, Emanuele Tirelli, Cristina Zagaria
Con : Carlo Caracciolo, Annabella Carrozza, Luigi Credendino, Gianluca d’Agostino, Roberta De Pasquale, Mario Di Fonzo, Carlo Geltrude, Irene Grasso, Gennaro Maresca.
Regia di Mario Gelardi
2 e 3 luglio ore 21.00
Basilica di Santa Maria della Sanità
Piazza della Sanita Napoli
info@nuovoteatrosanita.it
prenotazione obbligatoria – 3396666426

Il progetto
Ispirato a “Gesù figlio dell’uomo” di Khalil Gibran, “lui il figlio”, racconta la storia di Cristo dal momento della crocifissione in poi. Una serie di testimoni arrivano, come a deporre ad un pubblico- tribunale, spiegando in che modo Cristo ha influito nella loro vita, a volte esaltandolo altre volte rinnegandolo. È una riscrittura contemporanea che immagina che la morte di “lui” sia avvenuta pochi giorni prima delle testimonianze, cercando di rendere ancor più universale la passione, la condanna e la morte di un Uomo.

Otto autori contemporanei, quattro teatrali e quattro di narrativa, hanno scelto uno o più personaggi che, oltre alla loro storia, raccontassero una parte della passione. Una scrittura viva e contemporanea che usa varie sfumature del dialetto per raccontare il sangue, la morte, la maternità, ma anche la viltà di chi rinnega e spergiura. Cosa farebbe Giuda se il suo tradimento avvenisse ai giorni nostri? Si ucciderebbe davvero? E Maria, la madre adolescente di “Lui”, non può rivivere nei volti e nelle storie di tante ragazze del Rione Sanità di Napoli? Io credo di sì ed è da questo che sono partito, da laico, per raccontare soprattutto la morte violenta di un essere umano e di quella piccola folla che gli si riunisce attorno, specchio del nostro tempo.

Ho voluto fortemente che questa messa in scena avvenisse fuori dal teatro e grazie alla collaborazione con Padre Antonio Loffredo, Lui il figlio, andrà in scena nella Basica di Santa Maria della Sanità, in particolare il pubblico siederà sugli scranni seicenteschi, in legno di castagno, che contornano l’altare maggiore della Basilica.

PIERRE E JEAN ALLE CATACOMBE DI SAN GENNARO

Copia  di IMG_3571

ntS’ | Nuovo Teatro Sanità
e
Catacombe di San Gennaro

presentano il 29 giugno, ore 20.00 e ore 21.30

nell’ambito della rassegna “LUX IN TENEBRIS” – Illuminando il mistero
arte, teatro e musica alle Catacombe di San Gennaro

Visita guidata e spettacolo

“PIERRE E JEAN”

dal romanzo di Guy de Maupassant
drammaturgia Massimiliano Palmese
con Raffaele Ausiello e Carlo Caracciolo
regia di Rosario Sparno

LNOTE ALLO SPETTACOLO

“Pierre e Jean”, dal romanzo di Guy de Maupassant, adattato da Massimiliano Palmese e diretto da Rosario Sparno, mette in scena una drammatica crisi familiare. Due fratelli (Raffaele Ausiello e Carlo Caracciolo) passano con la madre le vacanze estive nella casa al mare, tra gite in barca e le visite della giovane vedova Rose, che entrambi corteggiano; ma l’imprevisto arrivo di un’eredità suscita prima vaghi dubbi e poi terribili sospetti su quello che nasconde la composta facciata del rispettabile nucleo familiare. In una veloce sequenza di scene, tra le vezzose cerimonie delle due donne e i duri scontri verbali tra fratelli, il romantico Pierre scopre di avere sogni e valori opposti a quelli di Jean, da cui viene deluso e irrimediabilmente ferito. Senza preavviso, in Pierre e Jean, la famiglia piccolo-borghese mostra la sua faccia peggiore, rivelandosi schiava del dio Denaro e inferno di sentimenti che in un niente possono rovesciarsi nel loro opposto: l’affetto in gelosia e l’amore in un rancore che è possibile curare solo lontano, via da tutti, in direzione del mare.

Il costo del biglietto è di 15 euro
E’ NECESSARIA LA PRENOTAZIONE AL NUMERO 0817443714
oppure info@nuovoteatrosanita.it